I passi del Melo – Congratulazioni!

Congratulazioni davvero a Mauro Pozzi, il primo Rainmen ad aver completato il challenge attraversando tutti e 26 i passi.

Ci ha sorpreso tutti, indaffarati ad inseguire mogli e figli attraverso il mare delle vacanze estive!

Pubblicheremo presto le foto e la raccolta degli scontrini, una preziosa raccolta per noi che dobbiamo ancora terminare l’impresa.

I passi del Melo – Montepiano, Futa, Collina

Siamo arrivati alla quarta uscita del Challenge.

Uscita tranquilla e breve causa impegni serali di tutti ma che ci ha permesso di scoprire luoghi a noi sconosciuti: partiti da Prato e fatto il passo di Montepiano, ci siamo diretti verso la Futa via Roncobilaccio; arrivati sulla Futa ci siamo diretti verso la Raticosa, tra due ali di folla festante che aspettava la Mille Miglia; anche se non era per noi che stavano lì, ci siamo goduti il tifo.

La parte più bella della girata è però partita da Monghidoro, terra natale di Gianni Morandi, percorrendo tutte quelle stradine che prima scendono nella valle del Savena, poi si mantengono in quota traversando i "Monteacuto", risalendo poi verso Suviana; sarà la primavera che rende tutto piacevolmente verde ma abbiamo traversato boschi interminabili, con squarci di azzurro e rocce a picco sulla strada; alla fine dei 60 km che siamo riusciti a fare da Monghidoro a Suviana non siamo stati in grado di ricostruire sulla carta la strada fatta, tanta era la distrazione nel guardare lo splendido paesaggio e la poca voglia di uscire dal quel dedalo di stradine; per un tratto siamo stati accompagnati da una poiana, incuriosita dalla nostra presenza evidentemente non usuale.

Pranzo dalla Betty alla trattoria "I due ponti" a Pavana (pasta cacio e pepe, tagliata all’aceto balsamico e sale delle Hawaii, semifreddo al pistacchio e ricotta … fate voi) e poi agile ritorno passando per quello che rimane della strada per il passo di Collina, un bell’esercizio di "scansa la buca" prezioso se qualcuno volesse allenarsi per andare sugli Urali in moto.

Continua l’iniziativa di filmare tratti dei passi che facciamo; per questa puntata ne abbiamo ben tre!

Passo di Montepiano: http://www.youtube.com/watch?v=5z3V0WEE9aE

Passo della Futa: http://www.youtube.com/watch?v=TZ6VN9d3B2A&feature=mfu_in_order&list=

Passo di Collina: http://www.youtube.com/watch?v=5GGxDY-qKcs&feature=mfu_in_order&list=UL

Finalmente se ne stanno accorgendo

Leggo l’editoriale di Nico Cereghini su Riders di Marzo, intitolato "Più sani, più freddi".

Anche se scritto dal punto di vista dello scooterista cittadino Milanese, categoria in cui stento a riconoscermi perché non sono né scooterista né Milanese e sto studiando per fare il campagnolo, tocca, finalmente direi, dei punti importanti della filosofia che NOI RAINMEN abbiamo sposato da decenni.
E si scopre che si soffre più freddo in macchina che in moto, basta vestirsi in maniera acconcia vedi nostro motto, che andare in moto irrobustisce, evitando di raccattare virus in metropolitana o in tram e farsi stroncare dagli sbalzi termici entra ed esci di macchina, che la moto provoca benessere anche d’inverno ed allontana le malattie.
Quello che Cereghini si perde è l’andare in moto fuori città, per le stesse strade invase di moto, macchine, camper durante la bella stagione; le riscopri in tutta la loro bellezza, gelide sì ma deserte da sembrare selvagge, dal fondo insidioso sì ma baciato dal sole invernale, niente cafoni ma solo rari disperati automobilisti alle prese con i vetri appannati ed il riscaldamento riottoso.

Due condivisibili conclusioni di Cereghini:

" … chi usa la moto anche nella cattiva stagione , … , per qualcuno è un eroe e per altri è un fesso. Per me è uno che ha capito tutto"

" Non lo so se siamo noi i veri motociclisti, ma sicuramente siamo i più furbi."

Meditate Rainmen, meditate 

Aggiornamento Challenge Transappenninica

Un rapido aggiornamento dei partecipanti alla Transappenninica che si è arricchita di altri quattro nomi

Ricordo che la classifica premia chi riesce ad arrivare più vicino al limite di tempo suggerito

1 Fabio Bmw R1100RS – 4h 57′

2 Simone Martini Bmw R1150GS – 4h 55′

2 Mauro Pozzi Bmw R1200GS – 4h 55′

2 Riccardo Miceli Bmw R1150GS – 4h 55′

5 Simone Fantoni – Yamaha 650TT – 4h 54′

6 Giacomo Sirio Yamaha Fazer – 4h 42′

6 – Paolo Niccolai Bmw R1150R – 4h 42′

6 – Andrea Ferrari – TDM900 – 4h 42′

6 – Marco Galli – Kawasaki Z750  – 4h 42′

10 – Benedetta ContiniBmw R850R – 4h 35′

11 – Bert VerheugdYamaha Fazer – 4h 32′

11 – Andrea SomigliBmw R1150GS – 4h 32′

13 – Giacomo MelaniBmw R1150GS – 4h 27′

14 – Gennaro EspositoSuzuki V Strom – 4h 09′

14 – Paolo AlgeaYamaha FZ1 – 4h 09′

14 – Luca G. Bmw R1150GS – 4h 09′

17 – Simone ChiariBmw R1150RT – 3h 53′

18 – Fernando ZaffinaBmw R1200GS – 3h 49′

19 – Iain Antony McLeodBmw R850R – 3h 28′

20 – Maria RodighieroBmw F650GS Dakar – 3h 26′

21 – Roberto PagamonciBmw R850R – 3h 25′

I passi del Melo – Aggiornamenti

Grossa novità, ci stiamo lanciando nel mondo della regia!

Da ora in poi cercheremo di documentare ogni salita ad un passo con un breve filmato che pubblicheremo.

Abbiamo iniziato con la salita da Pieve Fosciana a San Pellegrino in Alpe, la salita più bella per il passo delle Radici, lato Garfagnana.

Ecco il collegamento a youtube per guardare il filmato: http://www.youtube.com/watch?v=ooBiVaJ1BL4

Guardatelo e fate i vostri commenti così possiamo migliorare, alcune idee già le abbiamo.

Come avete visto, e per questo mandiamo gli aggiornamenti, stiamo imparando nuove cose ed aggiustando il tiro.

Innanzitutto stiamo pensando di allungare la durata del Challenge perché ci rendiamo conto che per chi lo vuole fare da fuori la Toscana un anno è poco: lo allungheremo ma non all’infinito, diciamo due anni, non buttate gli scontrini.

Al prossimo aggiornamento

Aggiornamenti sui Challenge

Abbiamo anche ricevuto alcune note sui roadbooks e per questo vorrei darvi qualche aggiornamento:

1) i roadbooks li aggiorniamo poco, "ce ne siamo accorti" risponderete voi, e quindi può darsi che i check points siano spariti, trasferiti od abbiano cambiato gestione; lo ammettiamo, preferiamo andare in moto che aggiornare il sito, però lo faremo; per rimediare basta che prendiate uno scontrino qualsiasi per qualsiasi cosa, basta che sia nella stessa località del check point

2) mandateci pure le immagini degli scontrini via mail, non importa inviarli fisicamente per posta; gli indirizzi per l’invio sono spazzavento@dada.it e simone.bellagio@gmail.com

3) anche per il ristorante vale la regola che potete andare dove vi pare, sempre che sia nei dintorni

4) di due ristoranti sappiamo che hanno cambiato luogo: una è la Stefania ai laghi Pontini, Challenge Transappenninica, che si è trasferita a Bagno di Romagna al ristorante "il Tiglio"; andateci perché merita, il cellulare è lo stesso, l’accoglienza pure<

5) un altro cambiamento è nel challenge Amiata; Rossano a Vivo d’Orcia non c’è più ma la moglie ha aperto un ristorante al Primo Rifugio Amiatino, località sopra Abbadia San Salvatore; trovate i dettagli nel blog alla data 28 Febbraio; la cucina è la solita e l’ospitalità pure; c’è anche il camino sempre acceso per le uscite invernali

Fortunatamente le strade se ne fregano della nostra scarsa professionalità e sono sempre belle.

Inutile dire che l’adesivo arriverà gratis, così impariamo!! 

I passi del Melo – Aggiornamenti

I passi del Melo: seconda uscita

Tocca a Frassineto e Mandrioli, guardate le foto.

Fa sempre piacere percorrere la splendida strada che collega La Verna con Città di Castello, sede dell’omonima corsa in salita e per questo tirata come un biliardo. Clima ancora invernale mentre aggiriamo le sorgenti del Tevere, con neve sui cigli delle strade esposte a Nord e boschi ancora marroni. Sosta ai Laghi Pontini, un posto sempre rilassante ritagliato da un pezzo di Alpi e trasportato in Appennino. Gelato a Soci perché c’è ancora chi fa le bizze come da piccino sul lungomare:-)

I passi del Melo: recupero prima uscita

E’ stata organizzata una uscita per recuperare alcuni amici che non avevano fatto Cerventosa e Montanina; una girata per scoprire delle colline sconosciute e non frequentate ma dai panorami mozzafiato che spaziano dal lago Trasimeno, ai Sibillini, al Monte Amiata. I dintorni di Ansina, con le sue ville ed i campi di tabacco, sono tutti da scoprire magari con qualche deviazione se c’è tempo. Guardatevi le foto; promossi e ripetenti tutti insieme.

Consigli

Nel caso siano fatti uno o più passi concatenati nella stessa giornata, lo scontrino che certifica il completamento di un passo sarà considerato valido come partenza per il successivo; in tempi duri meglio risparmiare i soldi per la benzina.

Cronaca nera

Si è consumato sulle strade tra Bibbiena e La Verna un rapporto contro natura che tanto ricorda quello più famoso tra la figlia del Mascetti e il sottococo Giovannone; il rapporto si è consumato sotto gli occhi di testimoni attoniti, rimasti impietriti davanti all’inaudito accaduto ma che nulla hanno fatto per impedirlo; solo un fotografo professionista, che lavorando in sala operatoria è abituato a ben altri e più orribili spettacoli, è riuscito con (s)pregevole freddezza a documentare l’accoppiamento; per chi è di stomaco forte ci sono le foto che per dovere di cronaca sono costretto a pubblicare.

For our bikers friends abroad

WHAT IS THE RAINMEN CHALLENGE?

It is not a race but a regular drive which demands precision with map reading and a Iron Butt. Therefore it is strictly in compliance with the Highway Code; this is unavoidable for participation in the Challenge. Participants undertake to comply with the above and the Organization cannot be held responsible for any accidents. There is no date for the Challenge, as everyone can start to suit themselves; there will be a special sticker “Winter Challenge” for those who take part in the Challenge Transappenninica, and Four Provinces; from December 1st to February 28th

WHAT DOES IT TAKE TO COMPLETE THE RAINMEN CHALLENGE?

A lot of passion for motocycles, a comfortable bike, and plenty of stammina, plus a good MAP; that’s all.

HOW TO VALIDATE YOUR CHALLENGE?

At the Check Point you must check the receipt that the date and time are correct, as this will give you the official Green Light for your start. You will then proceed to all the other Check Points. If the time between the receipt of the first and the last are not spent of the maximum established for each Challenge, please contact the organizers at spazzavento@dada.it When we establish the correct result of your trial we will send you a Commemorative Sticker which will testify to your success.

TIP FOR A SUCCESSFUL OUTCOME OF YOUR CHALLENGE

A. Before leaving, carefully study the MAP and memorize the route and its Geography

B. Where same shops are closed, look for an alternative place that can give you a receipt for a purchase so as to document the transaction on that day and at the hour stated.

C. You should be at the the START CHECK POINT  no later than 9 am. (Be aware of unknown  causes for delays)

D. If you are unable to complete the Challenge within the time limit as required it’s possible you may succeed the next timer and have more fun; REMEMBER, there are often unknown and attractive regions which can slow down your progress, so enjoy it.

Abbiamo iniziato i passi del Melo

Finalmente siamo riusciti ad organizzare la partenza di questo challenge che ci vedrà impegnati per il resto dell’anno.

Una occasione per ripassare in maniera sistematica tutti i passi fatti, qualcuno oramai scordato, con una carta in mano e cercando di congiungerli con un senso motociclistico.

Abbiamo iniziato a spuntare la lista …

… e a collezionare scontrini (che possono funzionare anche da consigli per la sosta)

Sabato 26 replichiamo, anzi aggiungiamo; intanto guardatevi le foto

MotoMotti

Trovati in un sito Canadese:

– Nel dubbio rallenta, nessuno ha mai colpito qualcosa troppo piano

– Si parte sempre con una borsa piena di fortuna ed una vuota di esperienza; il trucco è riempire quella dell’esperienza prima di vuotare quella della fortuna

– Andare in moto non è pericoloso, è cascare che lo è

– Impara dagli errori degli altri, non vivrai mai abbastanza per farli tutti te

– L’unico momento in cui hai troppa benzina è quello in cui stai andando a fuoco

– Guardati sempre attorno, c’è sempre qualcosa che non hai visto

– Gravità e forza centrifuga non sono solo buone idee, sono leggi senza possibilità di appello

– Fare sempre in modo di tirare giù il cavalletto lo stesso numero di volte che lo si tira sù

ma sopratutto … every ride is optional!

The good rider