Darwin e i Rainmen

Tutti Voi conoscete la teoria evoluzionistica di Darwin.

Secondo tale teoria l’universo creato si evolve e si adatta all’ambiente che lo circonda sviluppando una serie di caratteristiche che lo fanno campare di più e meglio; il tutto ha generato una serie di strane creature con  nasi lunghissimi, colli spropositati, con comportamenti strani ed originali, chi vive di giorno chi di notte, chi per aria, in acqua o sotto terra; i Rainmen non fanno eccezione.

Già l’essere dotato di due braccia, due gambe e due ruote lo rende riconoscibile, ma anche il comportamento e le abitudini sono abbastanza originali; esce con il freddo e la pioggia, rifugge il caldo e l’affollamento, le autostrade ed i luoghi facili da raggiungere.

Ma anche i Rainmen si stanno trasformando, oltre che rischiare l’estinzione.

Il primo chiaro segno fisico è la comparsa, insieme alle braccia, alle gambe ed alle ruote, di una porta USB; è indubbiamente un segno di adattamento alla modernità che ne faciliterà la sopravvivenza (speriamo) ma sta cambiando i comportamenti, nel bene e nel male.

Inanzitutto i Rainmen ora sorvolano i futuri e papabili tragitti con Google Heart, per vedere strade, incroci, nuove possibilità e nuove strade; un mezzo potentissimo che allunga la girata e prolunga il desiderio in quella fase bella e insostituibile che è la preparazione del viaggio.

Ci sono però anche degli aspetti negativi legati al troppo affidarsi e credere alle previsioni atmosferiche, tutte figlie delle uniche buone dell’Areonautica Militare ma interpretate e distorte a seconda dei desideri e degli interessi della redazione del sito che le pubblica; un tempo il Rainmen usciva " a prescindere" ed adattava la girata alle condizioni meteorologiche, ora si lascia convincere dai moderni sciamani dell’internet/meteo.

Un altro chiaro segno del cambiamento, legato alla comparsa della porta USB, e lo sviluppo di una spessa corazza … di scuse per non uscire; senza andare troppo nel dettaglio elencherò alcune delle tessere del carapace, chiamate appunto scuse, raccolte nell’ultima settimana di mail:

1) tipo familiare: "ho da appendere le tende alla suocera"

2) tipo meteorologico apocalittico: "piove pioggia ghiacciata"

3) tipo fai da te: "devo riverniciare le persiane"

4) tipo grande classico stagionale: "devo raccogliere le olive"

5) tipo scolastico: "devo correggere 60 compiti" 

Darwin aveva previsto tutto!

Ciao Rainmen 

2 thoughts on “Darwin e i Rainmen”

  1. lo scorso anno con le tue scuse non sei venuto ad Antrim. ora scrivi le regole per essere un perfetto rainman ? in questo caso io mi escludo dalla categoria, seduta stante.
    te e tutti quelli che vogliono trasformare una cosa bella e di tutti nel loro giocattolo personale, dove non giochi se non fai come dicono loro. a tutti questi dico solo “fanculo: tienti la cosa”. io vado a crearne un’altra libera e per tutti.
    Addio Rainmen

    1. Io non ho niente e non tengo niente.
      Commento spropositato al contenuto e comunque in contraddizione interna.
      Se vuoi creare una cosa libera e neghi la libertà di esprimersi che libertà è?
      Ognuno è libero di fare quello che vuole, compreso quello di scrivere.
      Si può dissentire ma non censurare, questo è quello che avevamo deciso.

Comments are closed.