Riding Solo To The Top Of The World

di Giovanni Cavazzuti

L’idea di Gaurav Jani era quella di affrontare un viaggio solitario in moto nei luoghi più remoti dell’India, da Mumbai fino al Chanthang Plateau (4876 m) nel Ladakh, al confine con la Cina, realizzando contemporaneamente un documentario.La scelta della moto cade su una Royal Enfield 350 di sua proprietà, la videocamera è una Panasonic DVX-100e, prestata da un amico.

Un viaggio “romantico” perché organizzato senza l’aiuto di una troupe cinematografica…

Vai direttamente a “Riding Solo To The Top Of The World”…

Il mio Extreme

di Giacomo Melani

Come i grandi goleador… al momento giusto, al posto giusto!!!

Devo dire che nel portare a termine il Challenge Extreme hanno influito in maniera decisiva la scelta del giorno (infrasettimanale) e l’ora della partenza (5:45 sveglia). Infatti riuscire a partire con il “fresco”, ma soprattutto scendere di montagna per il secondo check point intorno alle 8:30 ti consente, in questo periodo di afa bestiale, di mantenere una temperatura di crociera più che accettabile…

FEMA-Un altro passo verso la sicurezza

Foto (dal sito Motociclisti incolumi) della manifestazione antiguard-rail tenutasi in Spagna il 10 novembre 2007

English text below

di Giovanni Cavazzuti

La battaglia per la sicurezza è sempre stata una delle priorità per i motociclisti e per le loro associazioni. Specialmente in questi ultimi anni il Coordinamento motociclisti e i Motociclisti incolumi hanno testimoniato la loro azione anche attraverso la loro presenza costante alle manifestazioni più importanti, tra le quali il Bike-expo a Padova e l’Eicma a Milano.

La FEMA (Federation of European Motorcyclists Associations, Federazione Europea delle associazioni dei motociclisti) nell’anno del suo ventesimo anniversario ha raggiunto una grande vittoria per tutti noi.

Il 13 giugno 2008, a Milano, i membri del Comitato tecnico del CEN (European Committee for Standardization, Comitato Europeo di Normalizzazione, di cui fa parte anche il nostro paese) hanno adottato una risoluzione (la 319), con la quale si “sviluppi uno standard europeo che riduca la gravità di una collisione dei motociclisti con le barriere di protezione, considerando gli standard attuali e le vari paesi in materia di sicurezza”. In concreto è stata aggiunta una nuova parte (la otto) allo standard esistente (EN 1317) che tenga conto, nella progettazione dei guard-rail, del possibile impatto “di un veicolo a due ruote”.
Secondo il CEN, un progetto normativo dovrebbe essere pronto entro
l’anno prossimo e adottato nell’ottobre 2010. FEMA farà in modo che questi tempi di attuazione siano rispettati il più strettamente possibile.

È un piccolo passo in avanti per rendere la strada più sicura.

FEMA-Another step towards safety

The battle for security has always been a priority for motorcyclists and their associations. Especially in recent years the “Coordinamento motociclisti“ and “Motociclisti incolumi” have witnessed their action through their constant presence at major events, such as Bike-expo in Padua and the Eicma in Milan.


The FEMA (Federation of European Motorcyclists Associations) in its twentieth anniversary has achieved a great victory for us all.

The June 13, 2008, in Milan, members of the Technical Committee of CEN (European Committee for Standardization) adopted a resolution (319) which develops “ a European Standard, which reduces the impact severity of motorcyclist collisions with safety
barriers”
. In concrete has been added a new part (eight) with existing standards (EN 1317) which takes into account when designing the guard-rail, the possible impact "of a two-wheeled vehicle."
According to CEN, a draft regulation should be ready by next year and adopted in 2010. FEMA will ensure that these times of implementation are respected as closely as possible.

It is a small step forward to make the road safer.


Mi porterò a Bray Hill

di Simone Chiari
Sono sul ponte della nave verso Rotterdam e sto guardando il mare del Nord nella sua ora migliore, dopo che è calato il sole. C’è la malinconica luce giusta per i riassunti, con una miriadi di ricordi che attraversano la mente, tutti insieme così non c’è verso né di ricordarli né di metterli in ordine. L’anno scorso avevo tentato di metterli per iscritto, anche perché era la prima volta che venivo sull’isola ed era il centenario del TT…

Vai direttamente a “Mi porterò a Bray Hill”…

Non sono una vera motociclista

di Maria Rodighiero
Oggi mentre stiravo mi sono messa a leggere una scritta ricamata sulla maglietta di mio figlio “biker’s spirit of life Outdoor all day long” e ho riflettuto: in effetti in quel momento mio marito, il vero biker, era fuori in moto, io lì in casa e nonostante tutti ritengano che stirare sia terribile io veramente non ci stavo male. E così sono arrivata alla conclusione che…

Vai direttamente a “Non sono una vera motociclista”…

Giuliano Musi-Il giro del mondo di Tartarini e Monetti

Inizia oggi una nuova rubrica, per il momento quindicinale, di recensioni di libri, film, documentari, mostre che riguardano la nostra passione… la moto.

Se volete partecipare potete inviare proposte, indicazioni e anche recensioni all’indirizzo gioca@rainmen.net

Continue reading Giuliano Musi-Il giro del mondo di Tartarini e Monetti

La prima volta

di Maria Rodighiero
C’è chi, arrivato a cinquant’anni, cerca di fermare il tempo con il lifting, chi con l’aiuto di un chirurgo estetico, chi tra le braccia di un giovane amante, io ho tentato di esorcizzare l’avanzare dell’età mettendomi alla prova. Ho deciso di imparare a fare una cosa che mi attraeva e mi faceva paura per poter dire di nuovo “la prima volta”. Così sono diventata da “zavorra” pilota (che Valentino mi perdoni!).

Vai direttamente a “La prima volta”…