I Rainmen hanno la loro officina

ToroMoto

Ha aperto da poco l’officina ToroMoto a Pistoia, l’unica officina autorizzata Rainmen.
Il proprietario, Riccardo, è referenziatissimo, avendo lavorato nelle competizioni e come capo officina BMW; non potremmo chiedere di più.
Riccardo si occupa sia di manutenzione ordinaria e, speriamo poco, straordinaria, sia di personalizzazioni e modifiche.

Le coordinate:
ToroMoto di Riccardo Micheli
Via M.Moretti 199 (Z.I. S.Agostino) 51100 Pistoia
Telefono: 3337977668
email: info@toromoto.it
web: www.toromoto.it

Il mio casco attapirato

Non mi vergogno affatto di dire che in moto sento freddo alla punta del naso.
Quando fa freddo fa freddo! e non c’è sottocasco termico che riesce a proteggere la punta del mio naso (che è di ereditaria abbondanza).
E se la temperatura è sottozero, l’alito ghiaccia nella visiera, ed è la fine.
Non si può proprio viaggiare con queste condizioni…
e allora dietrofront si torna a casa; mi metto al PC e sulla baia acquisto un asciugacapelli 12V con spina da accendisigari,



scovo un ritaglio di similpelle, macchina da cucire, un’allacciatura ad anelli, un tronchetto di tubo spiralato e un pomeriggio perso a trasfigurare la cucina della moglie in sartoria (appena rassettata, è così che va, ma non vi mostro la foto della cucina).




Il risultato è questo, realizzato sempre con la mia filosofia del “prototipo provvisorio, che vedo come funziona, poi lo renderò definitivo”.


Ah, sulla Preziosa, sotto il cupolino, c’è la presa accendisigari, e non solo quella…
Una spina da accendisigari con interruttore che eccita un relè 12 V-20 A, rende ancora più agevole l’accensione.

P.S.: lo scopo era quello di disappannare la visiera; il riscaldamento della punta del naso è un piacevole effetto collaterale.

pioz.
rev. by G. Cavazzuti

Finalmente se ne stanno accorgendo

Leggo l’editoriale di Nico Cereghini su Riders di Marzo, intitolato "Più sani, più freddi".

Anche se scritto dal punto di vista dello scooterista cittadino Milanese, categoria in cui stento a riconoscermi perché non sono né scooterista né Milanese e sto studiando per fare il campagnolo, tocca, finalmente direi, dei punti importanti della filosofia che NOI RAINMEN abbiamo sposato da decenni.
E si scopre che si soffre più freddo in macchina che in moto, basta vestirsi in maniera acconcia vedi nostro motto, che andare in moto irrobustisce, evitando di raccattare virus in metropolitana o in tram e farsi stroncare dagli sbalzi termici entra ed esci di macchina, che la moto provoca benessere anche d’inverno ed allontana le malattie.
Quello che Cereghini si perde è l’andare in moto fuori città, per le stesse strade invase di moto, macchine, camper durante la bella stagione; le riscopri in tutta la loro bellezza, gelide sì ma deserte da sembrare selvagge, dal fondo insidioso sì ma baciato dal sole invernale, niente cafoni ma solo rari disperati automobilisti alle prese con i vetri appannati ed il riscaldamento riottoso.

Due condivisibili conclusioni di Cereghini:

" … chi usa la moto anche nella cattiva stagione , … , per qualcuno è un eroe e per altri è un fesso. Per me è uno che ha capito tutto"

" Non lo so se siamo noi i veri motociclisti, ma sicuramente siamo i più furbi."

Meditate Rainmen, meditate 

For our bikers friends abroad

WHAT IS THE RAINMEN CHALLENGE?

It is not a race but a regular drive which demands precision with map reading and a Iron Butt. Therefore it is strictly in compliance with the Highway Code; this is unavoidable for participation in the Challenge. Participants undertake to comply with the above and the Organization cannot be held responsible for any accidents. There is no date for the Challenge, as everyone can start to suit themselves; there will be a special sticker “Winter Challenge” for those who take part in the Challenge Transappenninica, and Four Provinces; from December 1st to February 28th

WHAT DOES IT TAKE TO COMPLETE THE RAINMEN CHALLENGE?

A lot of passion for motocycles, a comfortable bike, and plenty of stammina, plus a good MAP; that’s all.

HOW TO VALIDATE YOUR CHALLENGE?

At the Check Point you must check the receipt that the date and time are correct, as this will give you the official Green Light for your start. You will then proceed to all the other Check Points. If the time between the receipt of the first and the last are not spent of the maximum established for each Challenge, please contact the organizers at spazzavento@dada.it When we establish the correct result of your trial we will send you a Commemorative Sticker which will testify to your success.

TIP FOR A SUCCESSFUL OUTCOME OF YOUR CHALLENGE

A. Before leaving, carefully study the MAP and memorize the route and its Geography

B. Where same shops are closed, look for an alternative place that can give you a receipt for a purchase so as to document the transaction on that day and at the hour stated.

C. You should be at the the START CHECK POINT  no later than 9 am. (Be aware of unknown  causes for delays)

D. If you are unable to complete the Challenge within the time limit as required it’s possible you may succeed the next timer and have more fun; REMEMBER, there are often unknown and attractive regions which can slow down your progress, so enjoy it.

MotoMotti

Trovati in un sito Canadese:

– Nel dubbio rallenta, nessuno ha mai colpito qualcosa troppo piano

– Si parte sempre con una borsa piena di fortuna ed una vuota di esperienza; il trucco è riempire quella dell’esperienza prima di vuotare quella della fortuna

– Andare in moto non è pericoloso, è cascare che lo è

– Impara dagli errori degli altri, non vivrai mai abbastanza per farli tutti te

– L’unico momento in cui hai troppa benzina è quello in cui stai andando a fuoco

– Guardati sempre attorno, c’è sempre qualcosa che non hai visto

– Gravità e forza centrifuga non sono solo buone idee, sono leggi senza possibilità di appello

– Fare sempre in modo di tirare giù il cavalletto lo stesso numero di volte che lo si tira sù

ma sopratutto … every ride is optional!

The good rider